Il Vinile e l'equalizzazzione RIAA: Introduzione

I preamplificatori phono non sono ancora scomparsi, anzi vi è un interesse crescente soprattutto tra gli audiofili possessori di collezioni di dischi in vinile che vogliono non solo ascoltarli dal vivo, ma anche trasferirne il contenuto in moderni supporti CD o in files MP3. Tale ultima esigenza nasce a volte per preservare l'integrità del vinile, a volte per ascoltare e riascoltare con maggiore praticità i brani preferiti.
Qualunque sia la ragione, il trattamento di un disco in vinile richiede l'uso di un preamplificatore phono necessario per ricostruire fedelmente la traccia sonora in esso incisa.
Ma prima di addentrarci nei particolari di questa tecnologia, rivanghiamo insieme alcuni cenni storici, decisamente interessanti, che arricchiranno nel cuore degli audiofili la passione per l'ascolto analogico che, pur con le sue imperfezioni e i suoi compromessi, ha quel qualcosa in più di umano che lo distingue e lo caratterizza.


post1

Breve storia del Disco

Negli anni che vanno dal 1940 al 1960 si assiste ad un continuo perfezionamento sia della qualità del vinile, sia della qualità dell'incisione. Poiché in fase di registrazione la punta d'incisione...












post3

Il Preamplificatore PHONO

I preamplificatori "phono" si differiscono dagli altri preamplificatori per due caratteristiche fondamentali:
• Il guadagno (tipicamente 40dB per le testine MM e 60dB per le testine MC).
• La risposta in frequenza appositamente studiata per compensare o "equalizzare" le caratteristiche...















post4

La Registrazione del Vinile

A tutti noi sarà capitato di notare come la superficie di un disco in vinile sia corrugata in corrispondenza del brano musicale. Una corrugazione...











post5

La Necessita' della Equalizzazione

Ampiezza e frequenza caratterizzano un segnale audio; entrambe devono essere impresse sul disco master, e in definitiva sul vinile, con estrema accuratezza e con altrettanta accuratezza...











post5a

L'equalizzazione RIAA

Il segnale fonico registrato su vinile interessa frequenze che spaziano tra 20Hz e 20KHz. Come si può notare, attraverso l'esame della Fig. 4, che nella registrazione a velocità costante l'ampiezza del solco è inversamente proporzionale alla...












post5a

Tipi di Testine

Le testine phono sono di tipo magnetico e, nell'uso popolare, possono essere di due tipi: a magnete mobile (MM) o a bobina mobile (MC). Per entrambi si tratta comunque...

More in this category: Breve storia del disco »